Musica e Società/ Chico Science, il Manguebeat e… i Granchi con cervello

Il 2 febbraio di 23 anni fa moriva a Recife, capitale del Pernambuco, stato del Nord Est brasiliano, Francisco de Assis França. Aveva 30 anni. Un incidente d’auto a bordo della Fiat Punto della sorella. Appena un fatto di cronaca, uno dei tanti lutti sulle strade che i giornali registrano ogni giorno. A molti di noi Francisco non dice assolutamente nulla, un nome comune, e poi così lontano, dall’altra parte dell’Atlantico. Eppure quel ragazzo è stato uno dei musicisti più autorevoli del Brasile (Rolling Stone Brasil l’ha inserito al 12esimo posto tra i 100 artisti più influenti di sempre del Paese), diventato famoso negli States e anche in Europa, dove si è esibito in numerosi concerti (incluso il Festival Jazz de Montreux in Svizzera). Il suo nome d’arte: Chico Science. Il suo gruppo, Nação Zumbi. Il suo genere, Manguebeat. E da qui partiamo.

Chico era di Olinda, città coloniale a pochi chilometri da Recife, nota per il suo carnevale e per i ritmi vertiginosi che si ballano, ben diversi dal samba carioca e paulista, forró e frevo soprattutto. Cresciuto a Recife, di professione faceva l’impiegato comunale esperto di informatica, di passione, invece, il musicista. Il suo pane quotidiano, nella musica, erano i ritmi tradizionali, d’importazione afro, come il maracatu, mescolati a soul, funk, jazz, bossa, hip hop, hard rock… Un insieme di stili e beat esplosivi che hanno portato alla nascita di un genere tutto nuovo. Eccolo, dunque, con i Legião Hip-Hop, crew che vedeva rapper e break-dancer insieme, quindi con gli Orla Orbe e i Loustal per esperienze tra soul, ska e rap. Nel ’91 dà vita ai Lamento Negro che presto diventeranno i Nação Zumbi (dallo schiavo africano Zumbi, creatore del più famoso quilombo della storia brasiliana, una sorta di mini-stato composto da schiavi fuggitivi, nel XVII secolo). I loro testi e la loro musica, una fusion di ritmi con l’idea dell’Africa come madre ancestrale da cui tutto deriva, si mescola e ricrea nuove forme di vita ritmica, sono alla base del manifesto del Manguebeat, movimento fondato nel 1992 dallo stesso Chico Science, i Nação Zumbi e da un’altra band, sempre pernambucana, i Mundo Livre S/A, con il loro leader Fred Zero Quatro, artista post punk. Mangue in portoghese sono le mangrovie, quell’intricato ecosistema paludoso, dove (in questo caso a Recife) confluiscono i fiumi Capibaribe, Beberibe e Tejipió prima di buttarsi nell’Atlantico. Beat è il battito, il ritmo, la speranza.

II manguezal è una zona importante per i pescatori dell’area: nelle intricate zone paludose catturano i granchi, fonte di sussistenza. Chico e Fred hanno visto nel fango la vera possibilità di riscatto. I “granchi con il cervello” (Carangueijos com cerebro) sono coloro che vivono nella palude, ma che dal fango, propio perché obbligati a sopravvivere, traggono tutto quello che possono, mentre gli urubus, gli avvoltoi, sono coloro che, senza problemi, vivono una vita facile e sterile, nutrendosi delle carcasse dei primi. Il simbolo del Manguebeat è proprio un granchio con una chela rivolta verso l’alto, simile a un’antenna, pronta a recepire onde positive e vita da ogni dove.

Da qui discende tutto: il miscelare suoni e ritmi senza paura di contaminazioni ma anche il manifesto politico: aprirsi alle culture altre, assorbirne quello che c’è di interessante. Un po’ come l’antropofagismo di Oswald de Andrade, poeta e pensatore brasiliano della prima metà del Novecento, famoso per il suo manifesto che iniziava con una amletico gioco di parole “Tupy (gli Indios legittimi abitanti del Brasile) or not Tupy, that is the question…”: non aver paura delle nuove culture, anzi, divorarle e assimilarle. Più di qualcuno ha visto nel Manguebeat una similitudine anche con il Tropicalismo, la corrente nata tra la fine degli anni Sessanta e i primi Settanta capitanata da nomi sacri della musica brasileira, Caetano Veloso, Gilberto Gil, Tom Zé, Gal Costa, Maria Bethania, però ancora più politicizzata.

Chico con il suo gruppo ha fatto in tempo a pubblicare due album, Da Lama Ao Caos (1995) – vale la pena che ascoltiate A Cidade, brano programmatico del Manguebeat; il refrain è un atto politico:

A cidade não pára
A cidade só cresce
O de cima sobe
E o de baixo desce

 

“la città non si ferma, la città soltanto cresce, quello che sta in cima sale e quello che sta in basso scende…” – e Afrociberdelia (1996), album che lo ha fatto conoscere nel mondo. Nelle 23 tracce dell’album, tra chitarre distorte, fiati funk, e percussioni martellanti, c’è anche la personale versione dei CSNZ di un brano scritto in pieno clima “Tropicalia”, nel 1974, portato al successo da GIlberto Gil, Maracatu Atômico, che potete ascoltare qui

E se Lenine, noto e influente musicista pernambucano, ha definito Chico “il nostro Bob Marley”, vuol dire che il ragazzo scomparso prematuramente ha lasciato un solco ben inciso. Da ripercorrere, ascoltare, ancora fresco, attuale, carico di energia da assorbire e restituire, noi antropofagi di note ed emozioni…

Musicabile, il blog in sette note

Foto Beppe Ceccato

Non sono un musicista né, tantomeno un critico musicale. Sono un giornalista, che si è occupato (e continua a farlo) dei più svariati argomenti, dai viaggi al life style, dal food alla musica, al gossip. Ho scritto di cronaca nera e giudiziaria, mi sono ritrovato persino a fare casting di modelle per servizi di moda (attività che non mi è dispiaciuta affatto…). Ma soprattutto sono un tipo curioso. Per dovere di professione e per una innata tendenza a cercare di capire tutto ciò che mi circonda. E la musica, cosa c’entra con tutto ciò?

C’entra, c’entra. Perché in tutto quello che faccio ogni giorno ci sono sempre note che si rincorrono, a comporre una colonna sonora lunga quanto la mia vita. Avrò avuto sette anni quando i miei genitori mi regalarono per Natale un mangiadischi arancione brillante che si inghiottiva i 45 giri e li sputava alla velocità della luce: una molla feroce. Allora erano le canzoni per bimbi, poi sono arrivati i primi gruppi rock British come i Christie con la loro Yellow River (per la cronaca, Jeff Christie, 73 anni, è ancora in servizio attivo): avevo 9 anni e quel vinile me lo sono letteralmente consumato… Con loro arrivarono i Beatles e i Rolling Stone, i Pink Floyd e i Genesis, i Jethro Tull, gli Yes e i King Crimson (adolescenza e prog sono stati indissolubili…), e ancora, Deep Purple, Talking Heads, Clash, Police…

Allora le conoscenze musicali erano dettate dai passaparola, dalle prime radio private, da giornali come Muzak, Gong e il contestato Ciao2001… Sembrano secoli fa. Quella musica, che i giovani ascoltavano assetati di suoni e ritmi nuovi e liberatori, rientrava sotto quel grande e confuso cappello che era la controcultura alla cultura borghese dominante. Musica e politica, musica e sesso, musica e letteratura, musica e parole, musica e azione…

Domanda: oggi, nel Terzo Millennio, la musica continua ad avere quella stessa valenza, quelle stesse ansie e aspettative, quella stessa forza vitale? Le note possono essere ancora atti di protesta, cultura che scuote coscienze e pone interrogativi? Ed ecco il motivo di questo blog, condividere con voi le riflessioni su cosa sia musica oggi, come s’inserisca nel tessuto sociale, come si trasformi… Ma anche scoprire insieme tendenze, mode, passioni e, soprattutto, come questa, qualsiasi essa sia, si leghi alle nostre vite in modo indissolubile, lasciando tracce che il nostro cervello trova, riportandoci alla consapevolezza di periodi, amori, lavori, stati d’animo, passioni che abbiamo vissuto.

Quindi, ecco a voi Musicabile. Qui troverete le mie riflessioni, ma anche interviste, paralleli, spaccati di vita, storie epiche, con il solo filo conduttore della musica, quel linguaggio universale che da millenni gioca con le nostre emozioni. Il bello di quest’arte è che, come tutte le arti, non avrà mai fine. Ce ne sarà sempre di musica, e sarà ogni volta diversa, per tecniche, tecnologia, ricerca, intelligenza, genio. Ma, quel che è più incredibile e affascinante, è che sarà sempre la combinazione (infinita) di appena sette note. Buon ritmo a tutti!