Petardo: ansie, paure e battaglie nel disco Panfobia

Panfobia. Una vaga, costante paura di tutto. Le angosce di questo tempo, tra virus, guerre, incertezze sono uno stimolo per gli artisti. Riccardo Salvini, Petardo in uno dei suoi moniker, è un polistrumentista piemontese, uno che prende con rara passionalità il ruolo di artista. Mettere in scena un lavoro dove prevale il suono di una chitarra e la voce di Riccardo incapsulati in un notevole arrangiamento – opera di Maurizio Borgna – realizzato solo utilizzando synth modulari, significa crederci incondizionatamente, senza strizzare l’occhio a nessuno, nemmeno a i tuoi fan.  Continua a leggere

Caterina Comeglio, un’Isola abitata da Jazz, Soul e Pop

Oggi ritorno con una nuova cantautrice. Si chiama Caterina Comeglio, è milanese, classe 1990, ha una voce molto sofisticata, con la quale può fare tutto, dal jazz al pop al R&B. Ha pubblicato a ottobre un Ep dal titolo Isola (via Hukapan) sei brani composti da lei, nei testi e nella musica, con gli arrangiamenti del pianista Mirko Puglisi.

Gli studi musicali di Caterina sono di grande rispetto: Jazz Trinity College di Londra e quindi Leeds College of Music, come la sua esperienza sul palco che ha condiviso con il sassofonista Bob Mintzer, con Sarah Jane Morris, ma anche con Mika e Roby Fachinetti. Tre anni fa ha vinto il Premio Lelio Luttazzi nella categoria “cantautori”, con un brano Scheletri a Ballare, arrangiato da suo padre, Gabriele Comeglio, sassofonista e direttore d’orchestra. Continua a leggere

Andrea Tarquini: “In fondo al ‘900”, la memoria e il bluegrass

Dove ci vediamo? Boh, dove ci sia un buon bicchiere di vino. Ho fatto presto a mettermi d’accordo con Andrea Tarquini, cantautore romano, classe 1972, di stanza a Milano. Così, puntuale all’appuntamento ci siamo incontrati in una vineria dall’aria parigina. Mi aspettava seduto a un tavolino nella piazzetta chiusa alle auto, strimpellando un mandolino americano. «Stiamo facendo conoscenza, ce l’ho da poco», mi saluta con un sorriso sornione.

Ed eccomi qua, davanti a una bottiglia di Barbera, accarezzato da un vento frizzantino di fine ottobre a farmi raccontare la vita in musica di Andrea accompagnato da splendide tartine al baccalà mantecato. Perché il suo terzo disco uscito nel giugno scorso parla proprio di questo. L’ha intitolato In Fondo al ‘900, ed è un lavoro dove nostalgia, realtà, ricordi, si confondono con melodie confortanti. Per chi, come me, ha vissuto il cantautorato anni Settanta, ascoltare il suo album è stato come entrare in una sorta di comfort zone dove melodie e parole mi hanno riportato a storie vissute, vangando ricordi, incontri, impegno, voglia di cambiare il mondo. Continua a leggere

Piero Sidoti e la sua incredibile storia sull’amore

Piero Sidoti – Foto Rebecca Serafini

Ritorno ancora una volta sul tema cantautori, a me caro, per parlarvi di un artista che, “fino a prova contraria” (lo capirete tra poco!) concilia l’essere un appassionato di scienza, laureato in biologia e insegnante di matematica, con la scrittura e le note. Piero Sidoti, friulano di Udine, ha pubblicato alcuni mesi fa un lavoro molto bello e intenso, Amore (fino a prova contraria). Una voce profonda, la consapevolezza che la bellezza dell’amore e della musica sta nelle imperfezioni. Cosa che potrebbe contraddire con la sua mente matematica, dove tutto deve incasellarsi… Una dualità che esce brillantemente dalla cover del disco, un volto composta a metà dal David di Donatello e dall’altra metà dal suo. «È opera della fotografa Rebecca Serafini – racconta Piero – Vediamo sia l’amore meraviglioso e perfetto, rappresentato dal volto del David di Michelangelo, sia l’amore umano che ha il volto più fallace e decadente di un qualsiasi uomo, come il sottoscritto».  Continua a leggere

Cantautori: Barreca e la purezza della musica…

Domenico Barreca – Foto Beatrice Ditto

Ritorno nuovamente sul tema “cantautorato italiano”. Perché nella musica italiana si sta verificando un piccolo terremoto che pochi stanno registrando: il ritorno dei cantautori, strutturati come negli anni Settanta. Allora erano mainstream, la realtà socio-culturale era molto diversa rispetto all’attuale. Oggi vivono in un mondo parallelo, hanno ascolti, teatri, palchi ma pochi li conoscono. I loro profili sono l’opposto dei “popparoli” di gran lignaggio. Sono altrettanto giovani ma non adolescenti, meditativi, spesso conoscono bene la musica (e per fortuna!), hanno testi attuali, non banali e sempre egoriferiti. Parlano di comunità, condivisione, rispetto… Continua a leggere

Giorgia Zangrossi e il senso della parola

L’importanza della parola nella musica è uno dei temi che affronto spesso su Musicabile. Nella “forma canzone”, infatti, il testo aggiunge emozioni alla melodia, la parola stessa diventa musica. In questo – e ritorniamo sempre lì – il cantautorato anni Sessanta e Settanta ha dato esempi formidabili, vedi Francesco Guccini, Fabrizio De Andrè, Gino Paoli, Bruno Lauzi, Luigi Tenco, Piero Ciampi, Francesco De Gregori, solo per citarne alcuni.

In quest’estate torrida, come ho fatto alcuni giorni fa con Eugenio Rodondi, mi sono dato all’ascolto di nuovi cantautori. Artisti che mi colpiscono perché raccontano qualcosa di diverso e non banale. Il che mi fa pensare che c’è una rinascita dell’uso delle parole e della musica come impegno sociale. Posso dire: magari fosse vero?

Continua a leggere

Eugenio Rodondi, i cantautori e il narcisismo dell’artista

Torno a parlarvi ancora di cantautorato italiano e lo faccio attraverso un artista che ha l’appeal e il physique du rôle del musicista anni Settanta. Si tratta di Eugenio Rodondi, classe 1988, torinese. Ha pubblicato tre singoli che fanno parte di un disco che uscirà dopo l’estate, molto interessanti per il lavoro concettuale che sta alla base, che lui ha definito una «provocazione gentile»: mettere in primo piano la canzone – e il suo significato – e non l’artista che l’ha scritta. Come? Facendola interpretare da voci completamente diverse dalla sua. Lavorare sulla centralità del brano a dispetto dell’ego dell’artista, annullare il personaggio per dar vita alle parole. Continua a leggere

Nino Buonocore, il jazz e la Festa della Musica

Nino Buonocore – Foto Marco Medaglia

21 giugno, Festa della Musica. Come ogni anno, da quarant’anni a questa parte (se l’inventò l’allora Ministero della Cultura Francese diretto da Jack Lang con la dicitura Faites de La Musique), è una giornata dedicate al “fare” musica, Make Music Day per gli anglosassoni, poi diventato in Francia, Spagna e Italia, Fête, Festa (la pronuncia per Faites e Fête è praticamente la stessa). In Italia la si festeggia da 28 anni. Il tema 2022, come si legge sul sito ufficiale della manifestazione, è Recovery Sound Green Music Economy: ovvero, porsi l’obiettivo della ripartenza del settore Musicale attraverso una particolare attenzione e rispetto per l’ambiente… Continua a leggere

Solitudine, Edonismo, Consumo secondo Francesco Sacco

Francesco Sacco – Foto Lucrezia Testa Iannilli

Ieri è uscito un EP composto da sei brani, opera di un giovane musicista italiano, Francesco Sacco. Il titolo, A – Solitudine, Edonismo, Consumo, fa intendere che è il primo passo di un progetto che troverà compimento attraverso un altro EP, un lato B che completerà un lavoro piuttosto complesso.

Un giovane musicista che ha qualcosa da dire e lo dice bene è una manna per chi è in cerca di buona musica. E uno come Francesco, profondo nei testi, pignolo nella composizione e negli arrangiamenti, che non è mai banale e riesce a stupirti, non può non meritare attenzione. Infatti, dopo averlo incontrato e averci fatto una bella chiacchierata, molto istruttiva, sono curioso di andarlo ad ascoltare live oggi, alle 18:30 al Giardino della Triennale di Milano (ingresso libero, prenotazione consigliata, qui) dove presenterà il disco con Luca Pasquino, suo amico da sempre e anima gemella musicale, alle tastiere e basso, e Pit Coccato alla chitarra elettrica.

Testi ben scritti, vi stavo spiegando. Sarà per i suoi studi classici, per la particolare sensibilità a temi che includono, nella sua accezione più ampia, il “sociale”, per una facilità nel sintetizzare i concetti in brevi quanto esaustivi claim, vedi in Kabul: Bum Bum Bum, scalare scalare scavare, sta di fatto che Francesco ha una una spiccata predisposizione linguistica e musicale nel presentare le ansie e le deviazioni della società, intesa come insieme di persone che portano avanti, sempre più frequentemente e in modo schizzato, una forma di democrazia solipsistica, che si riassume, appunto, in Solitudine, Edonismo e Consumo.

Ritornando a Kabul: è un brano che racchiude più punti di osservazione e riflessione. Leggete le prime due strofe: 

Hanno sparato a Kennedy e a Martin Luther King
E in Cina sono rimasti solo i vasi della dinastia dei Ming
Tè verdi cinesi, petrolio nei mari, amici iracheni, tappeti persiani
L’oriente è un piatto piccante al gusto di diritti umani
Ma l’importante è entrare in playlist, scalare la classifica
Così ti canto una storia d’amore che finisce male: io amo il capitale
Ma senti come pompa questa cassa a Kabul… 

Lo stesso dicasi per il brano che apre il lavoro, Ogni uomo e ogni donna è una stella: inizia con una chitarra distorta intenta in un passaggio dellAria sulla Quarta Corda di Bach (che troverà più volte accenni nel corso della canzone), una sorta di colonna sonora stilizzata che ricorda tanto Quark. In questo studio televisivo Francesco, novello Piero Angela, affronta con corrosiva lucidità il difficile rapporto giovani-lavoro. Le responsabilità per un mondo, quello del lavoro, degenerato e non più sostenibile, vengono descritte con pennellate acide, raccolte in un pantheon di divinità negative e senza speranza. Leggete attentamente il testo prima di ascoltare il brano:

Sono sicuro che se i lupi hanno un dio
È fatto a forma di lupo
Che se le papere avessero un dio
Sarebbe un pennuto
Ma i bambini lo immaginano vecchio
E i vecchi non sono capaci
Anche se siamo la specie
Che ha inventato lo specchio
Il dio degli Ingordi è uno chef
Più buono del corpo di Cristo
Ma il dio dei soldi finora
Non si era mai visto
Ma quando la zampa dell’uomo
È diventata una mano
Il dio dei piccioni ha cagato
Su piazza del Duomo
Il dio dei piccioni ha cagato
In centro a Milano
Quando scagliate le frecce
E nascondete le mani
Io prego e progetto vendette
Con il dio dei cani
Sono sicuro che se i pesci hanno un dio
Assomiglia a uno squalo
E il dio di Milano è a pescare
Con una mazzetta sull’amo
Il dio dei coglioni è al tg
Il dio dei cantanti a Sanremo
Tutti ascoltiamo e preghiamo
Soltanto gli dei in cui crediamo davvero
Più che mercanti nel tempio
Ho visto dei preti al mercato
Ho visto persone comprare
Pregare ore d’aria al mercato del tempo
Ma una volta un ateo mi ha detto
Che ogni uomo e ogni donna è una stella
E il dio dei cavalli ha allentato le briglie
E il re è caduto di sella
Quando scagliate le frecce
E nascondete le mani
Io prego e progetto vendette
Con il dio dei cani
Io prego e progetto vendette
Con il dio dei cani
Io prego e progetto vendette
Con il dio dei cani 

Francesco è un musicista curioso: polistrumentista, attratto dal cantautorato delle origini ma anche dalla musica elettronica, è un performer e un sound designer. Ha “musicato” sfilate di moda, creando concept tra fashion, musica e teatro. Una bella energia creativa, onnivora, che coltiva mettendoci passione e acquisendo esperienze… 

Ne La Voce Umana, il tuo primo lavoro eri più intimista. Lo hai scritto a Venezia e hai fatto tutto da solo. In questo nuovo lavoro si avverte una certa maturità, è più estroverso, complesso, corrosivo…
«È un album più consapevole. Più di qualcuno nel giro dei musicisti mi ha detto: “Non ti preoccupare per il primo disco che pubblichi, tanto poi lo butti via…”. Buttarlo via proprio no, perché fa parte di un mio percorso, ma ad ascoltarlo e riascoltarlo senti tutte le cazzate che hai fatto. A – Solitudine, Edonismo, Consumo suona diverso perché è il primo lavoro dove ho voluto affiancare dei musicisti. Il primo è un disco citazionista, viene dai miei ascolti, dal cantautorato, dalla scuola di Tenco. Qui c’è la cassa techno, l’aria sulla Quarta Corda di Bach, il folk americano…».

È vero, ci sono molti richiami in quest’album. Non disturbano, anzi valorizzano il lavoro…
«Mi piace inserire citazioni della mia formazione musicale, il pericolo è farsi prendere la mano. In questo mi ha aiutato molto il lavoro di squadra con Luca Pasquino, che ha arrangiato i pezzi e con i producer, xx.buio e paralisi».

Quanto ai i testi, si vede che hai fatto il liceo Classico! Qual è il tuo processo creativo?
«Il disco può sembrare un concept album, però faccio fatica a usare questo termine parlando di me. Concept erano i lavori dei King Crimson… Comunque sì, l’album ha un fil rouge. Per esempio, prendi Kabul: l’ho scritta in diverse fasi. L’idea mi era venuta quando i talebani hanno ripreso il potere in Afghanistan. Seguivo tutti i ragionamenti alla Goffredo di Buglione (il nobile francese crociato che “liberò” Gerusalemme instaurando di fatto un regno e diventando un re, anche se si faceva chiamare Advocatus Sancti Sepulchri, il difensore del Santo Sepolcro, ndr), che non tenevano conto delle grosse responsabilità dell’Occidente. Avevo l’inciso ma non il riff. Mi è venuto mentre ero in tram, l’ho annotato subito sul telefono (Bum Bum Bum, scalare scalare scavare)».

Come ti è scattata la passione per la musica?
«Da piccolo mi piaceva ascoltare musica, mi divertiva. Gli inglesi non a caso usano lo stesso verbo per due azioni, to play, suonare e giocare. Sono connessi. Mio papà lavorava in De Agostini e portava a casa molti cd. Andavo pazzo per Mozart e Vivaldi, quando li ascoltavo mi pareva di stare sulle montagne russe! Così a sei anni decisi che volevo suonare il violino. I miei, credendolo un capriccio passeggero, cercarono di farmi ragionare. Sono sempre stato uno testardo, non mollai, e il compromesso fu studiare la chitarra classica. Non mi piaceva l’insegnamento, lo trovavo palloso, ma ho continuato. Da adolescente, normale periodo di ribellione, ho scoperto il rock anni Settanta, il blues, ritrovando quel fuoco che avevo da bambino con Mozart e Vivaldi».

Francesco Sacco “live” – Foto Agnese Carbone

Francesco, a freddo: andresti a Sanremo?
«Non so, forse con il pezzo giusto e la voglia di scommettere. Per come sono fatto, mi trovo lontano dal concetto di gara. Nell’arte non esiste competizione, mi sentirei molto fuoriposto. E poi, non vorrei passare per l’“intellettuale” e, dunque, sicuramente non capito…».

Come Giovanni Truppi nell’ultima edizione…
«Esatto, Truppi è un cantautore molto interessante, bravo, ma lì era decontestualizzato».

Difficile essere compresi non solo nel Festival…
«Anche discograficamente in Italia facciamo schifo. Aspettiamo che arrivino le mode dall’estero e non abbiamo la capacità di promuovere noi stessi qualcosa di nuovo».

Il materiale e le idee ci sarebbero, dal mio piccolo osservatorio…
«Il problema è anche dei grandi operatori streaming. Spotify non dà fama e nemmeno soldi. Se non fai live non guadagni. Purtroppo, questi canali sono visti da molti artisti che vogliono farsi conoscere come un obiettivo».

La legge degli algoritmi è altrettanto fatale. A proposito perché A – Solitudine, Edonismo, Consumo? A sta per lato A del disco?
«Sì ho previsto un Lato A e un Lato B, che uscirà prossimamente. Per ragioni contorte, Apple non accetta la parola “lato”, perché fa pensare a un qualcosa di fisico, mentre tutto deve essere digitale…».

Come ti è venuto il titolo?
«È nato in modo del tutto casuale. Quando scrivo tendo a non darmi limiti. Una volta finito devi fare la Track List, lavoro che a me piace moltissimo, ed è anche molto importante. La pignoleria e l’estrema attenzione a questo passaggio l’ho ereditate dall’arte e dal teatro contemporaneo, dove c’è una cura che i musicisti si sognano».

Torniamo al fil rouge del disco…
«Riordinando il materiale che avevo scritto è apparso un filo conduttore di temi. Stavo cercando il titolo da dare al lavoro, lasciando decantare, in attesa che mi venisse qualche idea. Poi mi è venuto in mente di ricollegarmi a un social che era in voga alcuni anni fa, Chatlet, sito che, con l’andar degli anni era diventato l’impero degli esibizionisti e avevo, per questo, abbandonato. Ho pensato: chissà se esiste ancora, e se sì, come sarà diventato? C’è, eccome! Ma ho trovato solo chiacchiere di una desolazione pazzesca. L’avventura di “archeologia web” mi ha lasciato una tristezza infinita, così ho annotato sul taccuino tre parole, Solitudine, Edonismo, Consumo…».

E queste riassumono al meglio il senso del tuo lavoro…
«Il periodo funesto del Covid, il processo di digitalizzazione improvviso di qualsiasi cosa, da cui ormai non si scappa, ha avuto l’effetto di isolare maggiormente le persone. Mentre ha colto preparati i ragazzi – in quanto nativi digitali hanno imparato presto a stare sui social – i quarantenni li ha presi in pieno. Solitudine, dunque, accompagnata da Edonismo: fanno parte di questo periodo. Consumo è una parola ambivalente: inteso come consunzione dell’individuo ma anche come rapporto viziato tra chi compra e la merce che acquista. Credo sia doveroso fermarsi e riflettere su tutto questo».

Concordo…
«Il Consumo è molto presente nel disco, in Fantasmino o in Je suis resté seul, il corpo è provato, consunto, avrebbe bisogno di un bel massaggio rinvigorente. Poi brani come Kabul, dove canto io amo il Capitale, o il primo, Ogni uomo e ogni donna è una stella, in cui parlo di lavoro e di giovani. Mi innervosisco quando sento ripetere la stessa frase: i giovani non hanno più voglia di lavorare. Non è così, forse i ragazzi vedendo i loro genitori condannati a un certo modo di vita, dove lavorare consuma, pensano: è proprio così che voglio vivere la mia vita? Sono condannato o è possibile costruire un mondo migliore?».

Che ritorno ti aspetti dal disco?
«È un lavoro difficile, con brani cazzuti, contemporanei. Ammetto, i testi sono complessi, ma vedo che si sta creando una scena, ascolto tanti cantautori validi e innovativi. Progetti nuovi che stanno recuperando il senso di quel bel cantautorato anni Sessanta/Settanta che aveva molti contenuti».

Un piccolo divertissement: tre cantautori vecchia guardia che reputi indispensabili per te e altrettanti delle nuove generazioni…
«Ok, parto: Leonard Cohen, Francesco Guccini e Luigi Tenco (concedimi, e tutta la sua scuola!). Di “nuovi”, Tutti Fenomeni (Giorgio Quarzo Guarascio, ndr), bello, strafottente, duro, ironico; Cosmo, il suo ultimo disco è bellissimo; Morgan, è un vero musicista. Ne avrei altri, ma poi il gioco non vale più…».

Franz Campi, il teatro-canzone e quel Sentimento prevalente

Oggi voglio tornare sul teatro-canzone. Genere che ha un suo perché: musica, creatività e recitazione sono una delle classiche forme di intrattenimento, probabilmente la più antica. Vi ho  già parlato di alcuni artisti che – vedi Roberta Giallo, Sergio Malpelo Gaggiotti, Rossella Seno, o anche Paolo Fresu – lo propongono in modo intelligente. C’è anche un altro musicista che ne ha fatto lo scopo della propria vita creativa. È un bolognese, 60 anni freschi di festeggiamenti, una verve da ragazzino e un’ironia schietta, contagiosa. Il suo nome? Franz Campi.

Un artista “regionale” come si definisce, visto che per lo più lavora nella sua terra, l’Emilia Romagna. Uno che è tante cose, comunicatore, organizzatore di eventi, attore, conduttore radiofonico e televisivo e, soprattutto, musicista. È riuscito a portare il suo spettacolo su Fred Buscaglione persino in Galles, ha partecipato nel ’93 alle selezioni di Sanremo Giovani (che passò) e nel ’94 al festival («che esperienza…»); tra le tante operazioni culturali messe a punto, s’è inventato pure la Premiata Palestra Atlas per muscoli del cervello, concorso per nuovi poeti… «visto il successo, alcuni concorrenti si montarono la testa e finì a schiaffi e pugni… alla faccia delle anime gentili…», scherza.

Il 19 novembre del 2021 è uscito un suo album dal titolo Il Sentimento Prevalente, 12 canzoni  firmate con Davide Belviso, che parlano della complessità del mondo, della pandemia, della violenza, dello scordarsi del passato, del ripetersi inutile della storia. Brani caustici, Venda l’Oro, appassionati, Lettera di un condannato a morte della Resistenza, ironici, Ridateci Fellini, o Stammi bene… In mezzo a tutto questo caos organizzato c’è un inguaribile ottimista che guarda il vorticar delle cose, le annota con la precisione di un notaio e la consapevolezza di essere altro da questo modo di vivere.

Eccoci qua, Franz! Come ti definisci: artista, cantautore, attore di teatro-canzone, organizzatore, conduttore, hai un programma televisivo, che parla di Green, Zorba, arrivato alla terza stagione…
«Sono fondamentalmente un comunicatore, mi piace raccontare, coinvolgere la gente, se riesco, con un sorriso e un filo di ironia. È la mia cifra stilistica principale. Lo faccio attraverso diversi canali, quello che mi affascina di più è certamente la musica, essere un musicista».

SONY DSC

E il teatro-canzone?
«Se vuoi vivere di dischi, o vai in cima alle classifiche o devi lasciar perdere! Quindi, una quindicina di anni fa ho deciso di dedicarmi al teatro-canzone. Ho iniziato con un tributo a Giorgio Gaber (Ciao Signor G.!), poi sono passato a Fred Buscaglione (Sono Fred, dal whisky facile): pensa, quest’anno sono undici anni di repliche…».

A proposito come sei finito in Galles con Fred?
«L’ho portato un po’ ovunque, in Svizzera e, sì, anche in Galles, dove nessuno lo conosceva! È stato uno di quei cortocircuiti della vita: un gallese che stava aprendo uno studio di registrazione e che aveva fatto l’Erasmus a Torino, s’era innamorato di Buscaglione a tal punto da cercare artisti italiani che lo facessero molto bene. Mi scoprì via Internet e mi chiamò là a suonare. Una bella esperienza!».

Nel tuo repertorio di teatro-canzone non ci sono solo le vite dei musicisti…
«L’ho declinato attraverso tanti altri temi, che poi coincidono con i miei interessi. C’è il cibo, ovviamente, con uno spettacolo chiamato Canzoni da Mangiare. A proposito: sono anche il portavoce della storia della Mortadella per il Consorzio della Mortadella di Bologna Igp… Ho raccontato la storia dell’Arte con Intonati a regole d’arte, e quella del manouche Django Reinhardt (Lo zingaro miracoloso – l’incredibile storia di Django Reinhardt) e ora quella di Alberto Rabagliati (Quando canta Rabagliati!)Grazie a lui mi sono innamorato dello swing!».

Immagino che la pandemia abbia fermato anche i tuoi spettacoli…
«Beh, sì, con i teatri chiusi s’è smesso di recitare e guadagnare! Però non sono riuscito a star fermo, così mi sono ritrovato a fare i concerti… da casa mia, gratuitamente! Appuntamenti fissi, sei settimane, sei sabati di seguito… socc’mel, era diventato un gran lavoro! Mio figlio (Andrea, uno bravo davvero, ha 24 anni ma è un bravo musicista!) faceva qualche pezzo con me, c’erano le dirette su Facebook, 1000, 1500 persone alla volta che mi seguivano. La gente mi mandava continue richieste di brani da suonare. Era diventato un bell’impegno!».

Avevi i tuoi fan…
«Ti racconto questa: c’era una signora che viveva con la badante proprio sotto di me, al terzo piano. Era molto anziana e malata, poi è mancata, poverina. Nei miei concerti casalinghi mettevo le casse fuori in terrazza, e suonavo. Un giorno la signora, non potendo venire da me, causa lockdown, è scesa aiutata dalla badante all’ingresso del palazzo e mi ha citofonato (immaginate il dialogo con inflessione bolognese, ndr): “Senta signor Campi, sono la Wanda, la Rizzoli… Volevo ringraziarla, che lei ci ha dato tanta felicità in questi momenti! Avrei una richiesta da farle…”. Eccola là ho pensato, chissà che canzone vuole che le canti, invece: “Potrebbe spostare di più le casse verso la mia terrazza, così sento meglio, grazie sa!».

Franz, veniamo a Il Sentimento Prevalente
«Come già detto, non riuscivo a star fermo in casa. Avevo canzoni nel cassetto, altre idee in testa, altrettante cose da dire, così, con Davide Belviso, polistrumentista, abbiamo messo su il disco. Ci siamo ingegnati, come tutti, a farlo da lontano: mandavamo le canzoni ai vari musicisti perché suonassero la loro parte, per il bandoneon a Udine, il piano in Puglia il sax a Guastalla… Poi Davide ha mixato il tutto. C’è una canzone che avevo scritto anni prima con Daniele Furlati, lo stesso che aveva composto le musiche con Marco Biscarini del film L’Uomo che verrà, sulla strage di Marzabotto, Lettera di un condannato a morte della Resistenza. Volevo ricordare a quelli che parlavano e parlano tanto di dittatura sanitaria e paragonavano il governo ai fascisti e ai nazisti, quello che era successo davvero durante una feroce dittatura. Certi paragoni sono inappropriati, offensivi. Avevo letto le lettere di saluti che i condannati a morte facevano recapitare alle loro famiglie, e lì mi sono ispirato. Alla pandemia s’è aggiunta la guerra: mi attacco alla musica cercando di portare positività di pensiero a chi ascolta».

Qual è il sentimento prevalente…
«Ogni giorno ci sentiamo oppressi, schiacciati verso terra. Lo pensavamo anche prima della pandemia, soprattutto noi della nostra generazione, triturata tra le responsabilità verso i figli, il lavoro stressante, i genitori anziani da gestire. Quando arriva sera, dopo una giornata intensa dove succede di tutto, si finisce per credere che le emozioni prevalenti della nostra vita siano solo quelle negative. L’ho vissuto anch’io: faccio uno sforzo per salvare me stesso, sennò mi butto dalla finestra. E poi rifletti: se hai la finestra hai anche una casa, un tetto dove vivere, una famiglia a cui vuoi bene, gli amici con cui incontrarti e parlare, molti interessi, un lavoro… sei un privilegiato, in una società ricca come la nostra! La morale è che il sentimento prevalente deve essere positivo. In questo disco, costruito a capitoli come un libro, ho cercato di spiegare tutto questo. Spero di esserci riuscito».

Che genere di musica ascolti?
«A essere onesti ne ascolto sempre meno. Mi piacciono le canzoni del passato, più che altro mi piace leggere. Penso con tenerezza al periodo in cui la gente andava ad ascoltare le orchestre. Qui a Bologna, a metà Ottocento, c’erano i venerdì dell’Antonelli, la prima banda della città. Tutti andavano in piazza Galvani ad ascoltarla, c’erano le belle da marito e i maschi che le scrutavano. Erano momenti di grande socialità. Venendo alla mia giovinezza: con i miei amici facevamo tutto insieme, compravamo i dischi a turno, andavamo a casa di uno o dell’altro, aprivamo gli album insieme, con attenzione per non rovinarli, insieme leggevamo le note, i nomi dei musicisti, guarda! C’è lui, ma no! C’è anche quell’altro, deve essere bellissimo… Poi, si mettevano i dischi sul piatto e si ascoltavano, condividendone le emozioni. Mi manca questa socialità, ora abbiamo una fruizione onanistica, tutti con le cuffie in testa ad ascoltare l’ultima playlist imposta da Spotify. C’è un pensiero unico anche nella musica. Siamo tutti uguali, ascoltiamo tutti le stesse cose…».

Hai iniziato a portare di nuovo in giro gli spettacoli? Hai intenzione di presentare anche il disco?
«Stanno iniziando a richiamarmi, ribadisco, sono uno “locale”. Ho iniziato con Canta che ti passa, spettacolo piccolino, liberatorio, antistress. Sul palco siamo tutti vestiti da medici, io sono un neurologo, l’altro uno psicologo, l’altro ancora è un proctologo (eh eh eh!), cantiamo tutti pezzi belli della canzone d’autore, divertenti, e lo facciamo assieme al pubblico. Sto preparando anche lo spettacolo per Il sentimento prevalente, lo sta scrivendo Alessandro Vanoni, scrittore che ha lavorato per il teatro: sul palco interagisco con una mia voce della coscienza e con immagini che scorrono dietro di me. Inizieremo a portarlo sui palchi a fine ottobre. Sempre in Emilia Romagna, a meno che non ci sia qualche teatro che ci chiami fuori regione!».

Fai tutto dal vivo?
«Sì tutto, atmosfera liberatoria…».

Rivango il passato: come sei finito a Sanremo?
«Facevo le mie canzoni e stavo vincendo un sacco di concorsi. Una sera faccio un concerto a Bologna,  mi viene a vedere la Iskra Menarini e mi dice: “Hai un repertorio bellissimo perché non lo fai sentire a Gianni Morandi che sta finendo il disco?”. Così io e Maurizio Minardi (autori di Banane e Lamponi, ndr) andiamo nello studio di Morandi e lasciamo una cassetta. Dopo due tre giorni, visto che non avevamo avuto risposta, siamo tornati. Suoniamo, ci apre Mauro Malavasi che chiama Morandi. C’era un lungo corridoio e nel mezzo un pianoforte. Abbiamo fatto un concerto per loro: “Fammi sentire questa, poi quest’altra, e questa?”. A Morandi piace Banane e Lamponi, una canzone goliardica che avevo scritto ai tempi dell’università, di quelle un po’… porno. “Sai non la posso cantare, con quel testo, ho un’immagine…”. Noi assicuriamo che in pochi giorni avrebbe ricevuto un altro testo. Malavasi e Morandi sono perplessi. In due giorni l’abbiamo portata, è andata bene ed è diventata un successo. Forte di quell’aggancio, sono andato a Sanremo Giovani dove ho vinto due serate. A febbraio ero sul paco dell’Ariston, ma mi son trovato la strada leggermente chiusa, era un anno particolarmente ricco, c’erano Francesca Schiavo, Joe di Tonno, Irene Grandi, Giorgia, Bocelli…».

Quando componi scrivi testo e musica o prima uno e poi l’altra?
«Ultimamente scrivo sempre meno musica. La musica è un’amante abbastanza severa, non puoi farla così così. Sulla composizione ho un po’ mollato, ho tanti altri impegni, ma a Bologna organizziamo spesso residenze artistiche. Ne ascolto tanta di musica, e quanto sento qualcuno di bravo, inizio con lui delle collaborazioni».

Nel tuo mondo ideale cos’è per te la musica?
«Una grande gioia. Lucio Dalla diceva che il successo è avere un pezzo del mio cuore dentro il cuore degli altri. La musica accende le coscienze. Pensa a Faletti con Minchia signor tenente; se pensi più in grande, anche contro l’Apartheid in Sud Africa la musica ha avuto il suo ruolo determinante, vedi Peter Gabriel con Biko o Carlos Santana. Non credo che si riuscirà a fermare Putin con una canzone, ma una canzone può provocare una grande onda».

Ci vorrebbe un nuovo Live Aid…
«Ognuno pensa al suo tour, al suo disco, non esiste più un Bob Geldof perché non c’è più un “noi”. Oggi… stiamo cotonando il nulla. Ognuno, salvo rari casi, pensa a se stesso, e non solo nella musica. Per cercare cose interessanti devi andare nei locali piccoli. Non ci sono più i talent scout… Lo scouting viene praticato davanti al computer, la prima cosa che si fa è andare a vedere le visualizzazioni, i “mi piace”… Se uno riesce a smanettare bene sui social può anche non saper suonare o cantare, e fare ugualmente successo. È tutta una grande truffa…».

Ciò si riflette inevitabilmente sull’ascoltatore…
«La velocità oggi è un dato indispensabile. Ci sono i tempi di lettura sui giornali, che trovo aberranti, e i brani corti, di facile e pronto consumo. Tutto deve essere ridotto a una cosa semplice, per nulla complessa. La complessità pretende attenzione, sacrificio, approfondimento, non puoi cavartela con uno slogan. Ascoltare di più, leggere di più ti dà più armi per crescere».