Rohma, le dualità dell’essere umano in @arroboboy

Volutamente spiazzante, istintivamente provocatorio, scariche improvvise di elettronica “metal”, richiami di synth patinati anni Ottanta, chitarre acide e distorte. Echi di Bowie, di Prodigy, di Nine Inch Nails raccontano un personaggio non facile. Entrare nell’universo musicale di Rohma è come avventurarsi in un lisergico mondo dove le dualità diventano confuse, tutto tende a unirsi e a risepararsi in nuova vita, lava che esce da un vulcano e si solidifica in tante forme, nessuna uguale all’altra. 

Incontro Sergio Romanelli, Rohma, in un grigio pomeriggio milanese in un bar vicino alla stazione Centrale. È in Italia in ferie e ne ha approfittato per registrare un brano con Saturnino che uscirà tra qualche mese. Salernitano di nascita, cresciuto nel bergamasco, da 25 anni in Brasile. Una laurea in lettere, vari master ottenuti in prestigiose università e una cattedra di Lingua italiana, linguistica e teoria della traduzione all’Università Federale di Santa Catarina, nel Sud del Brasile. Sergio, però, è anche Rohma, un’altra persona, trasgressiva, impegnata, fieramente omosessuale. Uno che nella vita ne ha vissute di esperienze, belle e brutte, comunque significative che lo hanno segnato e forgiato. 

Tutto ciò comporta una riflessione: Sergio, il professore, e Rohma, l’artista, sono due personalità diverse che convivono in uno stesso corpo: E se mi trucco e metto i tacchi di sera sarò meno educativo? E se mi vesto con giacca e cravatta sarò meno trasgressivo? si domanda in Tabula Rasa. 

Il suo lavoro @rroboboy, uscito nell’agosto dell’anno scorso in Brasile, terzo disco pubblicato, porta la firma negli arrangiamenti di Thiago Nassif (di lui ne ho parlato su questo blog un paio d’anni fa, uno dei pupilli del grande Arto Lindsay) e dei fratelli Pedro e Jonas Sá, tre musicisti a cui piace sperimentare, lavorare sul suono. Dunque un bel viatico per Rohma.

Davanti a un te mi ha raccontato la sua vita – avventurosa – i suoi sogni e le sue aspettative – poche –  in un mondo, nonostante tutto ancora molto chiuso.

Sergio come sei finito in Brasile?
«Mi sono laureato in Lettere a Milano nel 1996. Volevo andarmene dall’Italia, fare esperienza all’estero. Avendo due zii che abitano a Salvador de Bahia ho deciso di andare là. A Bahia mi sono messo a lavorare e studiare, canto lirico all’università Federale, quindi danza, la mia vera passione, che ho fin da quando ero bambino. Come lavoro ho fatto di tutto, sono molto intraprendente, il traduttore, persino di pellicole porno. Parallelamente studiavo Letteratura e traduzione, facendo master, dottorato, insomma tutto il percorso accademico. A Bahia sono rimasto dieci anni poi mi sono reso conto che, per la mia salute fisica e mentale dovevo andarmene…».

Perché?
«Perché ho vissuto a mille all’ora, ho fatto e provato tutto, sono stato sequestrato due volte, quei rapimenti lampo per svuotarti il bancomat, grosso problema in Brasile. Quindi ho scelto Florianópolis, capitale dello stato di Santa Catarina, nel sud del Brasile. Un posto molto bello, tranquillo, un Brasile diverso. Lì ho iniziato a insegnare e, parallelamente, a coltivare la mia passione per la musica e per la danza. Un mio studente di master, musicista fantastico di rock prog, un giorno mi ha cercato perché voleva che gli traducessi un testo di una canzone in italiano per il suo gruppo. L’ho fatto e mandato con il mio cantato. Si sono innamorati della mia voce e hanno voluto che lo incidessi con loro. Insieme abbiamo costituito un gruppo di Krautrock (una delle mie passioni) chiamato Vita-Balera (nome estrapolato dal testo di Non sono una Signora di Loredana Bertè)».

Veniamo ad @arroboboy: è un lavoro sugli opposti che si attraggono, sull’amore, anche verso se stessi, giustamente provocatorio… c’è anche una versione in portoghese di Kobra della Rettore, a proposito di anni Ottanta!
«Quel brano s’è pensato di inserirlo durante la lavorazione con Jonas e Thiago, una hit armonica al disco, cantata con Letrux, bravissima artista brasiliana. Oltre a Kobra c’è un altro brano non mio, Solo io: è la versione italiana di Enrico Ruggeri di Esquinas di Djavan. È stata la canzone che ha acceso il mio interesse per il Brasile, quando ho ascoltato la versione di Loredana Berté, registrata nell’85. È la canzone che mi commuove di più e che, in questo disco, rappresenta il mio momento attuale, senza rinunciare alla mia parte trasgressiva. Per il resto, sono io: ogni parola che canto l’ho vissuta. È la mia forza, non sono “costruito”. Sono disinvolto sui tacchi 17 perché li so portare, sorrido quando vedo, anche in Italia, artisti che per forza devono strizzare l’occhio al mondo Lgbtq senza conoscerlo, vendono una trasgressione che non esiste. Nel 2019 con il rapper Raphael Warlock, ho pubblicato Macho Discreto, un brano hip-hop con inserti metal e rock dove denunciavo il falso perbenismo sul mondo Lgbtq. Si fa ma non si dice, anzi si critica. Si è ma non lo si deve far sapere. Non ho mai sopportato tutto questo, anche se il mondo Lgbtq brasiliano all’uscita del brano s’è diviso. Molti lo hanno trovato giusto, altri eccessivo. L’estetica Lgbtq ama il pop leggero».

Molto bello l’arrangiamento di Solo io in stile “Nassif”! Torno sulla dualità, sul tuo essere maschile e femminile, italiano e brasiliano, professore e artista: non ti crea problemi?
«Sono un irrequieto da sempre, ma ho imparato ad accettarmi, anzi ne ho tratto la mia forza. Tempo fa al rettorato dell’università ho tenuto una lezione su autori italiani, erano presenti alunni e professori. Quindi sono andato dietro al palco mi sono cambiato, ho messo i tacchi 17 e il reggicalze, e sono uscito con la band a cantare. Ho pensato: la pagherò cara. Invece dal rettore ai professori agli alunni è stata un’ovazione. Il teatro mano a mano s’è riempito: “C’è un prof che sta facendo la storia venite a vederle!”, si chiamavano tra loro i ragazzi». 

Mi ricordi Ney Matogrosso, uno dei grandi della Musica Popular Brasileira…
«È un grande artista, lui sì ha rischiato davvero: negli anni Settanta salire sul palco vestito con abiti femminili e sgargianti, con piume e paillettes, e cantare con quella sua voce acuta, potente e cristallina era un vero atto provocatorio».

Cosa ti spetti dal disco?
«Ho imparato a vivere senza grandi ambizioni. Certo mi fa piacere che la mia musica sia apprezzata. Il video di Kobra in Brasile è arrivato in finale al Music Video Festival di São Paulo. Le critiche sono positive, ma preferisco stare con i piedi per terra».

Ci lasciamo. Mentre si allontana verso la stazione mi viene in mente un verso da DUBABADO (in portoghese do babado è uno slang per definire gay e lesbiche ma anche una persona irrequieta): 

Non voglio seguire il gregge / Non voglio pascolare a testa bassa / Non voglio vivere come un caprone… 

Se volete ascoltare @arroboboy – e ve lo consiglio – cliccate qui.

Oragravity, la musica di Caravaggio

Gli Oragravity, Federica Luna Vincenti e Umberto Iervolino – Foto Azzurra Primavera

La musica come pennellate, i brani come tanti piccoli preziosi particolari di un quadro. Chiaroscuri, fisicità e pensiero. Ascoltare la colonna sonora di un film disgiunta dalle immagini è un interessante percorso mentale. Soprattutto per L’Ombra di Caravaggio, ottimo lavoro di Michele Placido. Gli autori della soundtrack sono gli Oragravity, due musicisti che si sono trovati compatibili per gusti e creatività in un’avventura per nulla scontata. Sono Federica Luna Vincenti, che è anche la produttrice della pellicola nonché la moglie di Placido, e Umberto Iervolino, compositore napoletano con sede a Milano, che nella sua gioventù ha suonato anche con i mitici Napoli Centrale di James Senese. 

Musica ed elettronica. Strumenti fisici (archi) e colori virtuali, dai synth analogici agli strumenti digitali, uniti a una buona dose di spiritualità alla Sigur Ross e alle atmosfere di scuola nordeuropea, costituiscono nella versione disco, 13 brani per 35 minuti, un ascolto denso e profondo. Con una certezza, che la musica (ma anche il film) sono stati pensati, realizzati e diffusi con una logica rigorosa, dove prevale la parte artistica a quella commerciale.  Continua a leggere

Joe Barbieri, trent’anni di musica e rispetto

Joe Barbieri – Foto Angelo Orefice

Vivere attraverso la musica è un’arte che pochi sanno praticare. È questione di attitudine, di sensibilità, di condivisione. Joe Barbieri, musicista napoletano, è uno di questi rari esseri umani. Lo seguo da anni, mi ha incuriosito fin dai suoi primi lavori per la sua “integrità musicale”. Che non significa attaccamento a un genere, anzi! Semmai, pura creatività messa in note con criteri rigidissimi. 

Artista attento alla musica del mondo con una predilezione per il jazz, la bossanova e lo choro, la sua Cosmonauta d’appartamento suonata con Hamilton de Hollanda, incredibile mandolinista brasiliano, dall’omonimo album uscito nel 2015, è uno dei brani che resta custodito nella mia playlist del cuore, tra Desde Que o Samba é Samba di Caetano Veloso e Gilberto Gil, e País Tropical cantato da Veloso, Gil e dalla grande Gal Costa (che se n’è andata a 77 anni la scorsa settimana)… Insomma, tornando a Barbieri, alla sua creatività, uno può avere tutta la fantasia del mondo, ma poi, per trasformarla in musica e fare un buon pezzo ha bisogno di tanta arte e studio.  Continua a leggere

NewStrikers: il jazz cantato secondo Antonio Apuzzo

I NewStrikes sono Antonio Apuzzo (al centro), Marta Colombo, Sandro Lalla, Valerio Apuzzo, Luca Bloise e Michele Villetti

Sto ascoltando l’ultimo lavoro dei NewStrikers, The Songs Album, uscito un mesetto fa anche in vinile. NewStrikers si legge Antonio Apuzzo. Vivace clarinettista e sassofonista, appassionato di poesia, un figlio, Valerio, che a 23 anni suona tromba e flicorno con lui. Insomma, una mente brillante.Antonio è l’anima di una band che – vale la pena sottolinearlo – è in totale sintonia con il “capo”. Lo si percepisce chiaramente nello scorrere degli 11 brani che compongono questo lavoro dove la voce è la protagonista. E la “star della serata” è Marta Colombo, cantante e compositrice lombarda che fa parte di questo ensemble decisamente efficace. Continua a leggere

Misteriseparli: «musica è musica, i generi non contano»

Vediamo se ho capito bene: sono nati nella stessa città, Pescara, uno nel 1971, l’altro sei anni più tardi. Entrambi – senza conoscersi – si sono appassionati alla musica sin da piccoli, studiandola privatamente, diventando polistrumentisti. Il primo è appassionato di club, oltre a essere un musicista è anche un dj, il secondo ha suonato in gruppi rock e hardcore surf. Entrambi sono appassionati di longboard e di professione lavorano nelle piattaforme petrolifere in giro per il mondo. Proprio in una di queste, in Spagna, dieci anni fa si sono conosciuti. 

Questa è la storia di Giuseppe Palmieri (Pepi) e di Andrea Sestri (Andrew), in arte i Misteriseparli, duo difficile da etichettare e incasellare in qualche genere. Nel maggio scorso hanno pubblicato il loro primo lavoro Speedbeforedeath. La musica, spesso, racconta in maniera più efficace delle parole la vita delle persone. E questo disco, pubblicato da Vina Records e distribuito da Believe, narra la storia di questi due uomini che le note hanno fatto incontrare. Continua a leggere

Ermanno Cavazzoni: il liscio, lo studio e il suo futuro provocatorio

Ermanno Cavazzoni

Oggi parte a Bologna Mens-a. Un festival filosofico ma non solo, che vuole portare agli studenti universitari e alla società civile una sana iniezione di cultura. Il Pensiero ospitale, in tutte le sue declinazioni, regnerà per un mese (fino al 14 ottobre) in sette città dell’Emilia Romagna. Sette “palestre” nelle quali una sessantina di studiosi di fama internazionale si alterneranno per raccontare il futuro. Questo è il tema della settima edizione.

Futuro declinato in tanti modi seguendo un filo logico che parte da Bologna con Parole, Immagini e Memoria, passa per Parma, il 22 settembre, con Fiducia, Futuro e Sostenibilità; si dirige, il 24, a Ravenna per affrontare un tema gigantesco, Conosci te stesso, per poi arrivare a  Ferrara il 6 ottobre con Maestri, ripartire per Reggio Emilia il 7 con Osa Sapere, l’8 a Vignola  per parlare di Tradizione e Traduzione e chiudere, il 14, a Modena con Tolleranza e Raccontare la Storia.  Continua a leggere

Giovani e Musica: sogni, aspettative, ansie e tanta voglia di raccontare

Martina Conti

I ventenni e la musica. Cosa li spinge a vivere di note? Quali le aspirazioni artistiche e culturali in un mercato discografico – almeno in Italia – piuttosto verticalizzato su generi commerciali tutto sommato banali e artefatti? Sono domande che mi faccio da un po’. Così, grazie alle tante segnalazioni che ricevo ogni giorno, ho individuato due ragazzi che stanno muovendo i loro primi passi in questo mondo così apparentemente libero grazie ai social, ma in realtà sempre piuttosto chiuso. Si chiamano Daniele Delogu, in arte NILO, 21 anni appena compiuti, di Sassari, e Martina Conti, 22 anni, veneta della provincia di Treviso. Continua a leggere

Eugenio Rodondi, i cantautori e il narcisismo dell’artista

Torno a parlarvi ancora di cantautorato italiano e lo faccio attraverso un artista che ha l’appeal e il physique du rôle del musicista anni Settanta. Si tratta di Eugenio Rodondi, classe 1988, torinese. Ha pubblicato tre singoli che fanno parte di un disco che uscirà dopo l’estate, molto interessanti per il lavoro concettuale che sta alla base, che lui ha definito una «provocazione gentile»: mettere in primo piano la canzone – e il suo significato – e non l’artista che l’ha scritta. Come? Facendola interpretare da voci completamente diverse dalla sua. Lavorare sulla centralità del brano a dispetto dell’ego dell’artista, annullare il personaggio per dar vita alle parole. Continua a leggere

Michele Macchiagodena, Termoli Jazz e le derapate

Michele Macchiagodena – Foto Paolo Lafratta

In quest’estate strana e bollente, mentre i giornali sono impegnati nel narrare la sostanziosa “political crime” accaduta proprio nel Quintilis Iulius romano, mese dedicato a Giulio Cesare, con tanti possibili colpevoli e colpi di scena “splatter” degni del miglior Joe R. Lansdale, su Musicabile vi sto raccontando alcuni dei numerosi festival musicali che la stagione estiva per fortuna mette a disposizione. Scelti perché a parlare è la musica prima degli artisti, e questo, ormai avete imparato a conoscermi, mi attira particolarmente. Continua a leggere

Vezzoso-Collina: a Porciano con “Kind of Vasco”

Naturalmente Pianoforte, Festival nel Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna

Una domenica di bella musica nel Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, sull’Appennino Tosco-Emiliano, il penultimo appuntamento (l’ultimo sarà il 27 con Ludovico Einaudi) di una sei giorni di un Festival molto interessante per la sua costruzione musicale grazie alla direzione artistica di Enzo Gentile, organizzato dall’Associazione culturale PratoVeteri di Pratovecchio Stia. Oggi alle 5 del mattino, alla Pieve di San Pietro di Romena, Adam Kromelow ha presentato il lavoro dei Genesis Piano Project, progetto iniziato alcuni anni fa con un altro pianista, Angelo Di Loreto, purtroppo mancato due anni fa. Adam lo abbiamo incontrato al festival Ahymé di cui vi ho parlato recentemente in questo post, intervistando Giovanni Amighetti. Continua a leggere