Marisa Monte a Milano: trionfo e resistenza poetica

Marisa Monte in concerto – Foto Leo Aversa

Un concerto di Marisa Monte è sempre un evento per chi ama il raffinato e inconfondibile suo pop tropicale, che possiamo benissimo definire Nuova Musica Popular Brasileira, perché di questo si tratta. Attenzione maniacale agli arrangiamenti, musicisti di prim’ordine, e poi quella voce che incanta e avvolge. Cuica, cavaquinho, surdo, tamborim, sono strumenti che non mancano mai nella tavolozza musicale di Marisa, anzi, servono a esaltare il legame con la sua terra d’origine attraverso un’eleganza stilistica senza pari.

Ieri sera, prima data del tour europeo che la porterà in Francia, Spagna, Portogallo, Belgio, la musicista, compositrice e producer carioca ha portato sul palco il suo spettacolo onirico che si rifà, di base, al suo ultimo lavoro uscito lo scorso anno, Portas. In occasione dell’uscita dell’album l’avevo intervistata, qui se volete andare a rileggere il post.

Unica nota dolente e poi passo ad alcune considerazioni: inizio del concerto ovattato e impastato, suono piatto, chiaramente qualcosa non andava. Per fortuna, grazie alla bravura dei musicisti e dei tecnici dopo tre brani fuori registro lo show è decollato. Un crescendo con lei mattatrice, la tiara tra i capelli che  brillava sotto i riflettori, i cambi d’abito in scena, la presentazione accurata della band.

Ecco, dunque, il sessantanovenne bassista Dadi Carvalho, uno che ha fatto la storia del rock brasiliano suonando con i Novos Baianos e i Barão Vermelho, inciso con Mick Jagger e ispirato Caetano Veloso nella composizione di O Leaozinho. E ancora, il chitarrista Davi Moraes, figlio del compositore Moraes Moreira, il batterista Pupillo ex dei Nação Zumbi,  il percussionista Pretinho da Serrinha, uno dei più gettonati autori di Samba in circolazione, quindi Chico Brown: «Sono la sua zia, ha raccontato Marisa al pubblico, l’ho visto nascere e crescere». Chico è il figlio di Carlinhos Brown, che assieme a Marisa e Arnaldo Antunes fanno il trio Tribalistas, nonché nipote del mitico Chico Buarque de Hollanda. È anche coautore di tre brani di Portas. E poi la sezione fiati, Antonio Neves (trombone), Eduardo Santanna (tromba e flicorno) e Lessa (flauto e sax), perfetti nel loro ruolo, animo soul e funk della band.

Ai brani di Portas Marisa ha inserito suoi rodati cavalli di battaglia, come Maria de Verdade, scritta da Carlinhos Brown dall’album Verde, anil, amarelo, cor-de-rosa e carvão del 1994, Vilarejo, da Infinito Particular del 2006, scritto con Arnaldo Antunes e Carlinhos Brown, Ainda Bem, dall’album O Que Você Quer Saber de Verdade, la splendida Vento Sardo composta assieme a Jorge Drexler, l’altrettanto ispirata Dança da Solidão (vi consiglio l’ascolto della versione cantata con l’autore, Paulinho da Viola)… Non poteva mancare l’aggancio con i Tribalistas, fortunata super band composta da Carlinhos Brown, lei e Arnaldo Antunes, con una travolgente Já sei namorar, che ha fatto scattare in piedi la platea.

Marisa Monte in concerto -Foto Leo Aversa

Un lavoro che contiene musica ma anche un profondo significato che ritrovate nell’intervista fatta lo scorso anno: musica come cultura, musica presidio civile, resistência poética all’imperante imbarbarimento e populismo in cui il Brasile è piombato dopo l’avvento di Jair Bolsonaro alla presidenza della Repubblica. Le persone hanno bisogno di vedere e ascoltare “il bello”, etica ed estetica della musica come valore sociale.

Ed è quello che ha fatto ieri sera Marisa Monte al Teatro degli Arcimboldi: uno spettacolo dove poetica, bellezza, buona musica hanno donato due ore d’energia positiva. La riprova di quanto vi sto dicendo è stato il bis del bis: lei da sola, senza musicisti sul palco a intonare la splendida Bem Que Se Quis (la versione brasileira di E po’ che fa’  di Pino Daniele). Solo voce, forte, cristallina, a cappella insieme al suo pubblico. Mentre lasciava il palco, in platea hanno continuato a cantare fino all’ultima parola della canzone. Attimo di silenzio, mentre il sipario si chiudeva. 

Un atto forte che solo pochi artisti possono permettersi: la musica trascende il musicista, diventa condivisione universale. Il palco è lo stesso pubblico, è la musica la protagonista, non l’artista. Presidio civile, resistenza poetica…

Nota di servizio: Marisa Monte sarà in concerto a Cagliari, al Teatro Massimo il 18 giugno, e a Perugia il 9 luglio all’appuntamento di Umbria Jazz.

Giornata Mondiale del Rifugiato: siamo tutti un po’ “freezing”

Cronaca: oggi, 20 giugno, è la Giornata Mondiale del Rifugiato, nata con la risoluzione Onu 55/76, vent’anni fa. Quest’anno le Nazioni Unite hanno lanciato la campagna #WithRefugees, che durerà fino al 19 settembre. L’obiettivo? Far conoscere i rifugiati attraverso i loro sogni e le loro speranze: garantire istruzione ai propri figli, avere un lavoro, una casa dignitosa… il 19 settembre la petizione #WithRefugees verrà presentata all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, come atto di sensibilizzazione.

Tra le tante iniziative in Italia, da Parma a Roma, da Bari a Catania, da Squillace (Catanzaro) ad Ancona, vi segnalo, a Bologna,  “un evento musicale e performativo”, come spiegano gli organizzatori, che si potrà seguire dal vivo (ingresso gratutito con prenotazione obbligatoria) oppure in diretta streaming sul canale Facebook BolognaCares, sul canale Youtube LepidaTV On Air e sulle frequenze di Radio Città Fujiko 103.1 FM; in televisione su Lepida TV (canale 118 DT e 5118 SKY).

Murubutu, musicista e rapper, è lo pseudonimo di Alessio Mariani

Il luogo è il Mercato Sonato, un porto franco dove si costruisce musica e cultura, nato con l’intento di creare un movimento artistico in tutte le sue sfaccettature. Anche questa inizativa ha un hashtag, che poi è anche il titolo della manifestazione, #NeverMoreFreezing. Mai più bloccati: il congelamento, quel senso infinito di attesa, l’impressione di essere in esilio, vite sospese, controbilanciato dalla speranza e dal desiderio di affrontare una nuova vita. Questo passaggio di “congelamento” momentaneo, freezing, appunto, lo abbiamo subìto tutti con il lockdown causato dalla pandemia. Impotenza e pazienza, attesa e desiderio di rivedere la luce…

Margherita Vicario, foto di Matteo Lippera

Dalle 20 alle 23, dunque, collegatevi per una serata in note e riflessioni con ospiti “poco allineati” come il romano Murubutu, musicista e rapper, pseudonimo di Alessio Mariani (di lui ho già parlato per il bell’album pubblicato il 30 marzo di quest’anno dal titolo Infernvm con Claver Cold (altro bravo rapper, al secolo Daycol Emidio Orsini) o come l’attrice e cantautrice Margherita Vicario (da ascoltare!). Sul palco del Mercato Sonato ci sarà anche Rareș, giovane artista di origini rumene, da seguire perché il suo Curriculum Vitae, album uscito ai primi di marzo, è davvero interessante. Previsti interventi video dell’attrice e scrittrice Lella Costa, dell’artista italiana Mama Marjas, del nigeriano Seun Kuti, del giamaicano Clinton Fearon, dei messicani Son Rompe PeraJunior V

P.S. L’evento è promosso e organizzato da ASP Città di Bologna e Comune di Bologna in collaborazione con BolognaCares e con i gestori del Progetto Metropolitano di Bologna SIPROIMI (Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per i minori stranieri non accompagnati), la Città Metropolitana di Bologna e i Comuni che hanno aderito al progetto, oltre a Caritas Bologna.